Spartan Warrior on a cliff

La vera storia di 300, primo film

300 rispetta la storia? Ve lo sarete chiesto almeno una volta nella vita. Sembra impossibile che Leonida ed i suoi 300 spartani abbiano decimato l’immenso esercito di Serse. Allo stesso modo appare improbabile che Temistocle, con un manipolo di navi, abbia affondato l’enorme flotta persiana, tanto numerosa da riuscire a creare un ponte di navi sullo stretto del Bosforo.

Partiamo dalle basi: di quanti soldati disponeva l’imperatore persiano?
Ebbene, disponeva di 1.700.000 uomini prima di arrivare in Grecia, dove diverse Città-Stato si sottomisero a lui, consentendogli di superare nettamente i 2.000.000 di effettivi. L’esercito contava una cinquantina di razze diverse al suo interno, disponeva di qualsiasi tipo di risorsa e stratagemma bellico.
Nel primo film si possono scorgere i maghi, che lanciano delle specie di bombe a mano. Si vedono anche gli elefanti. Hanno davvero combattuto alle Termopili? Non ci sono fonti certe a riguardo. Mentre gli Immortali, il corpo speciale di Serse composto 10.000 uomini, sono davvero esistiti. Scordatevi ovviamente il loro aspetto demoniaco, così come quei giganti dalla forza bruta che ogni tanto si scorgono.

Ora veniamo a un punto spinoso. Quanti erano gli Spartani? Le Termopoli sono realistiche nel film? Rispondo prima alla seconda domanda. La risposta è sì.
Nei tempi antichi, il mare ricopriva gran parte di quella che ora è terraferma in quella zona. Parliamo di 2500 anni fa, non un numero esiguo insomma, la situazione è cambiata parecchio. Pertanto, come nel film, lo stretto passaggio si trovava in mezzo alle montagne ed un’alta scogliera. In particolare, la massiccia catena montuosa non consentiva un rapido tragitto dal sud verso il nord della Grecia. L’unica via consisteva proprio nell’attraversare il passo delle Termopili.
Oppure si era costretti ad aggirare la catena montuosa. I Persiani scartarono questa opzione, perché avrebbe richiesto troppo tempo e risorse.
300 spartans GIF
Le truppe persiane sono stimate intorno ai 70.000 – 300.000 soldati, un numero piuttosto consistente. Gli spartani invece erano solamente 300, guidati da Re Leonida. Ma non erano soli. Nel primo film passa in secondo piano il personaggio che viene chiamato arcade dagli Spartani, Delios. Egli, nel film, è a capo di un manipolo di soldati ateniesi, il quale sembra composto da un gruppo di conigli impauriti. Ecco, tutto questo è falso.
Come ho detto, gli spartani erano 300, ma erano affiancati da circa 7.000 soldati provenienti da diverse Città-Stato, ma non Atene. Senza il loro appoggio, Leonida sarebbe stato schiacciato come un moscerino. Di fatto è stato così. La battaglia, che nel film sembra durare un’era, è durata appena tre giorni.

A causa del tradimento di Efialte, i Persiani aggirarono facilmente la falange greca, mandando l’esercito avversario in rotta. Vorrei ora spendere due parole sul più famoso traditore del mondo greco. Nel film è rappresentato come uno storpio, gobbo, deforme e spartano, che prega Leonida di combattere nella sua falange. Il re rifiuta perché Efialte danneggerebbe lo schieramento spartano, in quanto incapace di sollevare lo scudo.
Efialte innanzitutto non è spartano, in secondo luogo non c’è nessuna testimonianza in merito alla sua deformità, probabilmente attribuitagli dai Greci per giustificare il suo tradimento. Era infatti inaccettabile che un greco sano tradisse la madrepatria.
Inoltre, Efialte non aspirava ad essere un guerriero, era un semplice pastore che ha colto l’opportunità di arricchirsi dando le giuste informazioni a Serse, che alle Termopili guidava l’esercito persiano. Ciò è evidente nel film ed è veritiero.
Scordatevi però le sembianze da semidio di Serse. Ovviamente sono un’invenzione cinematografica per renderlo più spaventoso.

Serse and Leonida 300 GIF

Ora veniamo alla fine dello scontro, all’eroica sconfitta di Leonida. I Greci resistettero ad oltranza grazie anche al muro focese, da loro rinforzato. Esso è presente nel film, appare come un blocco invalicabile lontano dallo scontro. In realtà, esso è stato la chiave tattica della battaglia, in quanto restringeva ancora di più il passaggio nel passo e costringeva i Persiani a combattere pochi alla volta in modo del tutto inefficiente. Gli arguti Greci, presidiavano il poco spazio fra il muro e la montagna. Disponevano di lance più lunghe e scudi più resistenti, specialmente alle frecce. La scena del film dove le frecce scagliate dai Persiani oscurano il sole è leggendaria, ma in parte vera, visto il numero di arcieri dell’esercito.

Tornando alle tattiche di combattimento dei Greci, questi si alternavano nello scontro per non stancarsi troppo e garantire sempre degli uomini freschi in prima linea.
In particolare, la tattica adottata era quella della falange, che consisteva nel creare un muro di scudi dove ogni soldato proteggeva quello a fianco.
I punti di forza della falange greca erano diversi. Intanto era invulnerabile alle cariche di soldati appiedati. In secondo luogo, le lance lunghe erano in grado di tenere il nemico a distanza. Qualora fosse riuscito ad avanzare, avrebbe incontrato le corte spade greche.

Spartans formation 300 GIF

Quando due eserciti si scontrano con un muro di scudi, oltre alla disciplina ed all’addestramento, è decisivo il tipo di arma utilizzato per lo scontro. Una spada corta è assai funzionale. Essa è rapida sia nel colpire, sia nel ritrarsi. Quando gli uomini combattono uno a pochi centimetri dall’altro, è estremamente più efficace di una spada lunga o di una scimitarra. Ecco perché i Greci hanno massacrato i Persiani. Si parla di almeno 20.000 uccisioni, un numero enorme, comparato ai 2.000 Greci caduti. Se non fosse stato per il tradimento di Efialte, probabilmente i Greci avrebbero arrestato alle Termopili l’esercito di Serse.

Come ho detto prima, la sconfitta avvenne al terzo giorno, quando parte dei Persiani attraversò l’angusto passaggio segreto che conduceva oltre il muro focese.
Le sentinelle greche diedero l’allarme e permisero a parte dell’esercito di ritirarsi. Leonida rimase a comandare la retroguardia, che si sacrificò per permettere agli altri soldati di fuggire e dare l’allarme. Leonida ed i suoi 300 guerrieri scelti combatterono davvero fino alla morte, ma non furono i soli. Si pensa poi che il sacrificio di Leonida fosse premeditato, che lui si fosse gettato in uno scontro perso in partenza perché, a detto dell’oracolo che aveva consultato, se non si fosse sacrificato, la Grecia sarebbe stata conquistata da Serse. Paradossalmente quei tre giorni permisero agli Ateniesi di ritirare l’esercito dalla città ed organizzare un’ultima resistenza nella baia di Salamina, ma di questa storia parlerò nella seconda parte di questo articolo.
Sicuramente il sacrificio di Leonida non è stato vano, ha salvato migliaia di vite e rimane un atto eroico.

Leonida last stand 300 GIF

L’unico spartano sopravvissuto alla battaglia, secondo il film, è Aristodemo, ritiratosi perché ferito a un occhio. Egli giunse in patria dalla Regina Gorgo, che in seguito si convinse a correre in aiuto degli Ateniesi per sconfiggere i Persiani a Salamina. In realtà non andò così. Aristodemo aveva un’infezione agli occhi, così come un suo compagno, Eurito. Leonida concesse ai due di ritirarsi dalla battaglia. Aristodemo tornò a Sparta, mentre Eurito rimase alle Termopili e morì insieme agli altri Spartani.
La decisione di Aristodemo non piacque ai compatrioti, che lo accusarono di codardia ed infangarono la sua reputazione. Egli morì combattendo a Platea e in parte riscattò il suo onore.

Concludendo, chi è la fonte di queste informazioni?
Erodoto, lo storico greco per eccellenza. Si tratta di una fonte molto attendibile dal punto di vista degli eventi storici, un po’ meno rispetto ai numeri. Ogni tanto esagera e non si riesce a capire con certezza quando lo faccia e quando no.
Sicuramente l’esercito persiano era davvero immenso, in grado di mobilitare un milione di soldati e altrettanti uomini e donne, che facevano parte del seguito.

Ecco il link alla seconda parte dell’articolo!

Ed ecco il link alla vera storia dei Pirati dei Caraibi

E anche quello a: La vera storia di Vikings

Se non riesci a seguire il mio blog da WordPress, puoi farlo:

Al prossimo articolo!

Written by Federico Aviano

Sono nato nel 1996 e da sempre nutro una forte passione per la scrittura. Sono laureato in Scienze Politiche Sociali e Internazionali, curriculum di comunicazione, all'Università degli Studi di Bologna, dove attualmente frequento il primo anno di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e d'Impresa. In particolare, faccio parte della Redazione Web del Corso, dove, oltre a pubblicare diversi articoli, gestisco il sito web. Da ottobre 2019 lavoro come Marketing Division Assistant per UniBo Motorsport, MotoStudent, Formula SAE Team. Anche in questo caso mi occupo particolarmente dello sviluppo e della gestione del sito web. Infine, ricopro il ruolo di Tecnico IT in un'azienda bolognese. In poche parole, amo il marketing e le sue applicazioni, specialmente quelle legate al mondo digitale, dove ho avuto il piacere di immergermi. Il mio sogno nel cassetto è invece pubblicare la mia saga fantasy, dove gli Imlestar, un popolo da me inventato, sono i protagonisti. Da qui il nome del blog.

31 comments

  1. Mi piace molto il tema affrontato nel tuo articolo. Condivido sostanzialmente le tue osservazioni, che mettono in luce le differenze tra film ed evento storico, eccetto una: non ci furono truppe Ateniesi alle Termopili. Erodoto, che resta la nostra fonte storica principale (sembra che un tempo esistessero anche degli archivi storici persiani, che, purtroppo, andarano distrutti a causa dell’incendio di Persepolis perpetrato dai soldati di Alessandro il Grande), suddivise nel seguente modo l’esercito greco, in base alla città di provenienza di ciascun esercito:
    Spartani, inclusi i Perieci (che erano i cittadini dotati solo di alcuni diritti civili): 900
    Spartiati (cioè il gruppo etnico dorico che dominava Sparta): 300
    Mantinei: 500
    Tegeesi: 500
    Arcadi: 1200
    Corinzi: 400
    Fliunti: 200
    Micenei: 80
    Tespiesi: 700
    Tebani: 400
    Focesi: 1000
    Locresi Opunti: tutte le loro forze (1000 uomini?)
    In pratica, come tu stesso hai specificato, si sarebbe trattato di un esercito composto di circa 6500-7000 uomini. Tra l’altro sembra che i Tebani furono costretti a combattere dagli Spartiati fino all’ultimo uomo, perché Tebe era in odore di forte simpatia per i Persiani (e infatti, nel 479 a.C., nella battaglia di Platea, i suoi guerrieri combatterono nelle file persiane).
    Ti suggerisco di leggere, se non l’hai già fatto, il fumetto originale di Frank Miller: è molto più fedele alla veridicità dell’evento storico e non presenta alcuni dettagli «truculenti» visibili invece nel film (tipo gli Immortali che assomigliano agli Orchi, ci hai fatto caso?) Aspetto di leggere la seconda parte, grazie!

    Liked by 1 person

    1. Grazie a te per il commento!
      Sono stato tratto in inganno anche io, correggo subito 😁
      Conosco i fumetti di Miller, anche se non li ho mai letti e so che i film sono ispirati a loro.
      Rimangono comunque entrambe, a mio parere, due piacevoli pellicole

      Liked by 1 person

      1. Sì, soprattutto la prima pellicola (la seconda mi ha convinto meno). I fumetti sono davvero belli, se ti capita di vederli in libreria facci un pensiero;)

        Liked by 1 person

    1. Sisi moltissimo, unico nel suo genere.
      Diciamo che il senso comune sul mito di Sparta è dovuto al film, non può essere fatto male visto come si è radicato in ognuno.
      Per non parlare della bellissima colonna sonora

      Liked by 1 person

      1. Il problema, a livello storico, è che sappiamo molto poco di Sparta, anche a causa, purtroppo, dell’assenza di storici spartiati (quasi tutte le fonti sono riconducibili agli Ateniesi, i quali, essendo stati a lungo nemici di Sparta, non possono essere considerati sempre come attendibili). Secoli fa Tucidide scriveva «se la città dei Lacedomoni venisse devastata e rimanessero i templi e le fondazioni degli edifici, credo che, passato molto tempo, i posteri avrebbero gravi dubbi sulla potenza dei Lacedomoni in rapporto alla loro fama […] poiché la città non è costruita in modo compatto, né ha templi ed edifici sontuosi, ma è sparsa in villaggi, secondo l’usanza dell’antica Grecia».

        Liked by 1 person

          1. Giusto, gli Spartiati avevano solo quell’occupazione…logico che poi diventassero ottimi opliti (il dialogo di Leonida con gli Arcadi nel film «300» esemplifica molto bene questo concetto).

            Liked by 1 person

      2. Grave mancanza storica allora: nella cultura della vergogna veramente è così stupido da ricoprirsi di disonore e risa?

        ps: mi puoi cancellare gli altri due messaggi fuori argomento nell’altra discussione del testo ?

        Liked by 1 person

  2. Complimenti per l’articolo, mi piacciono sempre i confronti tra cinema e realtà storica, utili per non farsi “fregare” da ricostruzioni non sempre correte né tanto meno oneste.
    Mi permetto di segnalarti un mio pezzo su un aspetto del film: la celebre “frase maschia” di Leonida 😉

    Liked by 1 person

  3. “Nel primo film passa in secondo piano il personaggio che viene chiamato arcade dagli Spartani, Delios. Egli, nel film, è a capo di un manipolo di soldati ateniesi, il quale sembra composto da un gruppo di conigli impauriti. Ecco, tutto questo è falso.”
    Falso, sì… Soprattutto perché Delios è il soldato spartano che viene incaricato da Leonida di tornare a casa e raccontare quanto successo!

    Liked by 1 person

Rispondi

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: