7 Rosso, recensione e regole

7 rosso, il gioco di carte

Siete stanchi delle solite partite a Uno o a briscola con i vostri amici? Siete alla ricerca di un gioco veloce, poco costoso, da fare in compagnia e innovativo?
Allora 7 Rosso è il gioco che fa per voi.

Ora vi spiego le regole:

Il gioco è da due a quattro giocatori, l’unico difetto che ha. Un pregio è però che in due è comunque molto bello, solitamente questi giochi perdono nell’uno contro uno.

7 Rosso è un gioco di numeri, ma non c’entra niente con Uno. L’obiettivo è rimanere gli ultimi in gioco (last stand) e per farlo bisogna rispettare la regola che vige a ogni turno e vincerlo. Detto così non avrete capito niente, ma intanto sapete qual è l’obiettivo del gioco.
Partiamo quindi dalla preparazione:

Ogni giocatore comincia il gioco con in mano 7 carte e con una di fronte a sé, che è l’inizio della sua collezione.
Inoltre, all’inizio di ogni partita si piazza la prima carta regola, che è sempre quella e che potete vedere nella foto qui sotto.

Cosa significa questa frase? Ve lo spiego attraverso un’altra foto.

img_20180919_0953261-e1537344828737

Il gioco prevede 7 carte (da 1 a 7) di 7 colori diversi, per un totale di 49 carte.
I colori, che potete vedere sopra, sono disposti gerarchicamente. Il rosso è quindi più forte dell’arancione, che è più forte del giallo e così via.
Il colore non è l’unica differenza fra le carte, che ne determina il valore, c’è anche il numero. Il 7 batte il 6, che batte il 5 e così via.
Di conseguenza, un 7 viola batte un 1 rosso, perché il numero è più importante del colore.
A cosa serve quindi il colore? In caso di parità fra numeri si guarda il colore, quindi un 7 rosso batte un 7 arancione.
Tutto chiaro fin qui? Ora posto un’altra foto che vi dà un’idea di come sono fatte le carte.

img_20180919_0954121-e1537345115201

Come avrete notato, le carte hanno delle scritte ai lati e un simbolo in alto a destra. Quest’ultimo ve lo spiego alla fine, perché fa parte delle regole speciali per chi ha ormai preso confidenza con il gioco, mentre le scritte ve le spiego adesso.

Le scritte sono in realtà regole (7 regole totali), proprio come quella della prima foto che ho caricato. Guarda caso, su ogni carta rossa c’è scritto “carta più alta”, vuol dire che la regola che il giocatore di turno deve soddisfare è proprio quella.
Cosa significa nella pratica?

Abbiamo detto che all’inizio del gioco ogni giocatore avrà una carta scoperta pescata casualmente che è la sua collezione di partenza. Il giocatore con la carta più bassa fra le collezioni (confrontate numero e poi colore), inizia il turno.
Per vincere durante il suo turno e quindi continuare a giocare, deve essere il miglior giocatore in quel momento che rispetta la regola vigente.
Per farlo il giocatore ha due possibilità:

  • Giocare una carta scoperta nella sua collezione (quindi la mette di fianco alla prima che aveva di default), la quale deve sempre farlo vincere rispetto alla regola. Quindi se gioca un 7 rosso con in campo la regola carta più alta ha sicuramente vinto.
  • Altrimenti può cambiare la regola stessa, mossa obbligata se ci si accorge che attraverso la regola iniziale di carta più alta non si battono le collezioni avversarie.
    Per cambiare la regola corrente, il giocatore gioca una carta dalla sua mano e la posa sopra alla regola iniziale. Questa mossa può essere effettuata durante la partita da ogni giocatore nel suo turno.
    La nuova regola sarà quindi quella espressa dalla carta giocata, che perde il valore di carta (se gioco un 3 viola non hanno più valore né il 3, né il viola, ma solo la regola più carte sotto il 4).
    Per vincere, il giocatore deve soddisfare la regola.
  • Se anche in questo modo non riesci a vincere, il gioco ti permette di giocare una carta dalla tua mano da aggiungere alla tua collezione scoperta (puoi farlo una volta per turno, anche se già vinceresti con la regola attiva).
    Attenzione, giocare due carte in uno stesso turno ti permette di portarti avanti rispetto agli avversari, perché la tua collezione si infoltisce e hai più possibilità di soddisfare più regole in futuro, ma ricorda che se le carte della tua mano finiscono hai perso.
    Questo gioco non è come briscola, non peschi dal mazzo normalmente, ma solo attraverso le regole speciali e un altro modo che è il seguente: quando cambi regola con una tua carta, se il valore di questa è MAGGIORE e basta, non uguale, al numero di carte presenti nella tua collezione puoi pescare una carta.
    Esempio⇒ se gioco un 5 giallo nelle regole e ho 3 carte nella mia collezione, posso pescarne una dal mazzo. Se invece ne avessi 5, ma anche di più, nella collezione non potrei pescare.
  • Se anche cambiando regola e giocando una carta nella tua collezione non vinci, hai perso e sei fuori durante la manche del momento.
    Un giocatore vince la manche se è l’ultimo in gioco e i punti che farà sono pari ai valori numerici delle carte della sua collezione che soddisfano l’ultima regola in gioco, le quali vengono rimosse dal mazzo futuro e vengono conservate dal giocatore vincente. 
    Esempio⇒ se un giocatore vince con la regola carta più alta grazie al suo 7 rosso, toglie il 7 rosso dal gioco e ottiene 7 punti.
    Altro esempio⇒ se un giocatore vince con la regola più carte sotto al 4, avendo un 3 rosso, un 3 verde un 2 arancione, un 1 viola e un 1 indaco, toglie tutte queste carte e fa 3+3+2+1+1 punti, cioè 11 punti.
    Si nota subito che vincere con la regola carta più alta può non convenire, quindi se un giocatore si accorge di stare perdendo gli conviene tenersi una carta rossa per cambiare regola durante il turno della sua sconfitta e far ottenere meno punti all’avversario.
    Questo modo di giocare da infami vi farà perdere molte amicizie, ma ne vale la pena, specialmente se evitate all’avversario di fare 12 punti, visto che ne può fare al massimo 7.

Un dubbio che mi è stato più volte espresso riguarda le regole più carte dello stesso colore e più carte dello stesso numero. 
Nel primo caso, se avete due carte rosse e due gialle non avete 4 carte dello stesso colore, ma 2 e lo stesso se avete due 7 e due 6 avete solo due carte dello stesso numero, mi raccomando.

Ricordate inoltre di controllare per bene chi ha la collezione vincente.
Partite sempre dalle carte che soddisfano la regola. A parte la regola rossa della carta più alta, che ti fa rendere subito conto di chi sta vincendo, le altre regole chiamano in causa più carte.
State perciò attenti, partite da chi ha più carte che soddisfano la regola. Se un giocatore ne ha 3 e voi 2, lui sta vincendo.
In caso di parità di carte che soddisfano la regola, guardate chi ha SOLO E SOLAMENTE la carta più alta fra queste, NON SOMMATELE.
Esempio⇒ la regola è più colori diversi. Siamo rimasti in due. Io ho un 5 giallo e un 4 viola, il mio avversario un 6 rosso e un 1 verde. Chi ha vinto? Lui! Perché il suo 6 rosso batte singolarmente sia il mio 5 giallo, sia il mio 4 viola, quindi la partita finirebbe e l’avversario farebbe 7 punti. Il 6 rosso e l’1 verde vengono rimossi dal gioco.
In caso di parità fra numeri, guardate il colore. Tornando all’esempio di prima, io ho un 5 giallo e un 4 viola, lui un 5 rosso e un 1 verde. Ha sempre vinto lui, perché il suo 5 rosso batte il mio 5 giallo.
State quindi molto attenti a queste cose che non sono ben spiegate nelle regole.

Ora veniamo alle regole speciali, che ti permettono di fare delle combinazioni micidiali. Prima una foto.

img_20180919_0953371-e1537346920383

Queste regole valgono solamente se giochi una di queste carte dispari nella tua collezione e DEVI rispettare le conseguenze scritte qua sopra.
Forse lo avrai già notato, ma non sempre conviene applicare queste regole per te, ad esempio la regola che si attiva giocando un 5 può farti perdere, perché potresti finire le tue carte.
Ah, giusto, se finisci le carte non hai perso immediatamente, se non sei l’ultimo del giro devi vedere ciò che succede con gli altri giocatori. Se almeno uno di loro sopravvive e tocca di nuovo a te, a quel punto hai perso.

In sostanza queste regole speciali danno molta importanza alle carte dispari, che possono provocare dei danni sia a te che agli altri. 
Si possono poi generare delle catene di combinazioni fantasmagoriche per cui in un turno arrivi a giocare parecchie carte e a spostarne altrettante. Con le regole speciali puoi ribaltare una partita ormai persa e perderne una ormai vinta. Ma sono divertentissime!

In conclusione: il gioco è veloce, divertente, propositivo e durevole, nel senso che alla lunga non ti annoia.
Bisogna usare bene la testa, pensare alle carte che si giocano, non si può giocare a caso, perché ogni carta è preziosa e giocarla al posto di un’altra può provocare gravi conseguenze per la partita nei turni successivi. Attenti a quello che giocate e ricordate che ad ogni turno dovete o giocare una carta nella collezione o nelle regole o entrambe, non si può quindi passare il turno.

Spero di essere stato chiaro nella spiegazione delle regole, che come ho detto sono troppo minimali nel libretto delle istruzioni.
Resto a disposizione per qualsiasi dubbio e domanda, al prossimo articolo!

Se ti piacciono i giochi da tavolo, ti consiglio questi:

Talisman, gioco da tavolo: recensione, regole, quali espansioni comprare e in che ordine.

Citadels: regole e recensione del gioco da tavolo medioevale

Bang! Il gioco da tavolo, recensione e regole

Star Wars: Impero contro Ribellione, recensione del gioco da tavolo

Se non riesci a seguire il mio blog da WordPress, puoi farlo:

Al prossimo articolo!

4 thoughts on “7 Rosso, recensione e regole

Rispondi