Silmarillion Tolkien book

Il Silmarillion: recensione, riassunto e spiegazione – parte 20 – la fine del libro

Se ti sei perso il precedente capitolo, lo trovi qui: Il Silmarillion: recensione, riassunto e spiegazione – parte 19 – l’ascesa di Sauron

DEGLI ANELLI DEL POTERE E DELLA TERZA ERA – seconda parte

La battaglia di Dagorland è magistralmente rappresentata nel prologo del Signore Degli Anelli – La Compagnia dell’Anello, sino al punto in cui Sauron interviene nella battaglia. Infatti, egli non vi prese parte, ma attese nella sua fortezza di Barad-dûr, cinta d’assedio per ben sette anni dalle forze del Bene. In questo frangente, Anarion, fratello di Isildur, fu ucciso da una freccia scagliata dalla fortezza.

Nonostante la resistenza da parte dei suoi servi, Sauron capì che non poteva più aspettare e uscì in campo aperto con al dito l’Unico Anello. Rispetto al prologo cinematografico, Sauron lottò direttamente contro Elendil e Gil-Galad (Re dei Noldor). Allo scontro non sopravvisse nessuno dei tre e fu in quel momento che Isildur staccò l’Anello dal dito inerme di Sauron, il cui spirito volò via. Iniziò così la Terza Era.

Barad-dûr fu rasa al suolo e gli Uomini lasciarono una guarnigione nella Terra di Mordor. Gli Orchi fuggirono e seppure ne fossero morti a migliaia, non furono totalmente debellati. Per quanto riguarda l’Anello, nonostante Elrond e Cirdan avessero consigliato a Isildur di gettarlo nel Monte Fato, questi lo tenne per sé, deciso a insediarsi sul trono di suo padre (Arnor). Lasciò quindi Gondor nelle mani del figlio di suo fratello e partì per il Nord.
Durante il viaggio, subì un’imboscata da parte degli Orchi nei pressi dei Campi Iridati. Isildur venne ucciso e l’Anello scomparve nel fiume limitrofo.

Dopo la morte di Isildur, il regno di Arnor iniziò a vacillare e a dividersi, decadendo lentamente. Simile sorte toccò al regno di Gondor, che dopo anni di splendore in seguito alla caduta di Sauron, assistette a un miscuglio di razze per cui i Numenoreani puri rimasero in pochi. La lunghezza della vita degli Uomini iniziò a diminuire e così anche la costruzione di opere pubbliche.

Più Gondor si indeboliva, più Mordor si rafforzava, soprattutto grazie all’aiuto degli Spettri dell’Anello. Essi attaccarono Minas Ithil, che cadde nella mani degli Orchi e da quel momento in poi fu conosciuta come Minas Morgul. Osgiliath, da capitale del regno di Gondor, cadde in rovina a favore di Minas Arnor, che divenne Minas Thirith, ossia Torre di Guardia.

Per quanto riguarda gli Elfi, i loro punti di riferimento divennero Elrond, Cirdan e Galadriel. Grazie al potere dei loro Anelli, accrebbero la potenza dei loro regni, attirando gli Elfi sopravvissuti alle guerre contro Sauron. Questi risorse dalle sue ceneri a Bosco Atro, in particolare a Dol Guldur, nelle vesti di un negromante.

Contemporaneamente gli Istari arrivarono nella Terra di Mezzo. Anziani di aspetto, ma oltremodo potenti, questi maghi avevano l’obiettivo di contrastare il potere crescente del Male.
Gli Istari erano cinque: Saruman (loro capo), Gandalf, Radagast, Alatar e Pallando (gli stregoni blu). Alatar e Pallando si recarono verso Est, per poi scomparire definitivamente dalla storia.

In particolare, fu Gandalf a scoprire il negromante a Dol Guldur, scacciandolo con successo (non sapeva ancora che fosse Sauron). Sauron ritornò e Gandalf lo scoprì un’altra volta. Tuttavia, in questo caso chiamò a raccolta il Bianco Consiglio, capeggiato da Saruman, chiedendo di intervenire immediatamente, avendo stavolta compreso che Sauron fosse tornato.
Saruman, intrigato dal potere dell’Anello, decise di tergiversare, negando il ritorno di Sauron. Saruman non si limitò a questo, ma cominciò a inviare servitori alla ricerca dell’Anello, avendo compreso che fosse scomparso nei pressi dei Campi Iridati. Ma le ricerche furono vane, in quanto Gollum aveva già trovato l’Anello. Così Saruman decise di intervenire e appoggiato dal Bianco Consiglio scacciò Sauron da Dol Guldur. Questi però lo aveva previsto e si ritirò senza difficoltà a Mordor, dove iniziò a radunare nuovamente un esercito.

A questo punto, la caccia all’Anello si fece frenetica: Saruman, Sauron e Gandalf, per scopi diversi, si attivarono, sino ad arrivare, in tempi leggermente diversi, alla stessa conclusione: l’Anello era nella Contea. Così ebbe inizio la Guerra dell’Anello, che pose fine al dominio di Sauron e degli Elfi, dando inizio all’Era degli Uomini…

Conclusioni

Il Silmarillion narrato termina qui. Le restanti pagine sono infatti dedicate a tabelle ed indici dei nomi. Personalmente sono entusiasta di avere completato il riassunto appena prima dell’inizio della serie tv Amazon che tratterà di alcune parti del Silmarillion stesso e sono altrettanto contento di avere chiuso la serie in 20 capitoli. Un’avventura durata due anni e mezzo.

Sono veramente felice di lasciare questo ricordo di Tolkien online, perché se lo merita, per ciò che ha dato me e a milioni di altre persone nel mondo, negli anni.

Il Silmarillion è un libro da leggere, se sei appassionato di fantasy. Non voglio essere blasfemo, ma per me è la Bibbia del fantasy. Ha tutto. Soprattutto la Prima Era è qualcosa di sensazionale, da fuori di testa. Se Amazon decidesse di fare una serie tv sulla Prima Era (una volta acquistati i diritti per farlo) e se veramente fosse fedele ad ogni riga di Tolkien, uscirebbe un capolavoro senza precedenti e irraggiungibile.

Se pensiamo al successo cinematografico raggiunto dal Signore degli Anelli, questo impallidirebbe di fronte a una Prima Era televisiva. Sicuramente i flashback dedicati alla Prima Era che vedremo nella serie tv Amazon saranno i momenti migliori della serie. Non può che essere così.

Nel Silmarillion sono raccontanti migliaia di anni di eventi, dettagliati, con centinaia di personaggi e ambientazioni, studiati nel minimo dettaglio. Potrei andare avanti per ore ad elogiare il Silmarillion e non escludo di fare un mega riassunto su YouTube in futuro.

Sino a quel momento, Novaer a tutti

Potete acquistare il Silmarillion su Amazon tramite questi link:

Se hai un sito web, ti consiglio di passare a SiteGround, la migliore piattaforma self-hosted al mondo 

Per saperne di più sul mio progetto Legends Of Arda, dove troverai molte immagini per meglio comprendere la mitologia di Tolkien, clicca sotto:

Qui puoi acquistare il mio libro “Bellator Est Lux” in formato cartaceo  📕
Qui puoi acquistare il mio libro “Bellator Est Lux” in formato ebook 📱

Se siete interessati ai miei articoli sul mondo creato da Tolkien, date un’occhiata sotto:

Se non riesci a seguire il mio blog da WordPress, puoi farlo:

Al prossimo articolo!

7 commenti

  1. Ciao Federico, ben trovato! Ottima recensione anche di questa parte finale del Silmarillion…in particolare ho apprezzato che tu abbia descritto correttamente il duello fra Sauron, Elendil e Gil-Galad…in effetti l’Oscuro Signore era già moribondo quando Isildur gli strappò il possesso dell’Anello.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Domenico! Come stai?
      Ti ringrazio come al solito e so che capirai la mia emozione per essere riuscito a finire in tempo la serie di articoli prima dell’inizio della serie TV Amazon, per la quale ho molta paura…

      Il blog è difficile da gestire, ma spero che Tolkien mi dia la spinta giusta per ricominciare con costanza

      Piace a 1 persona

      1. Tutto bene, grazie, spero lo stesso per te:) Anche io ho paura per la serie di Amazon…alcune scelte non mi convincono affatto, purtroppo. Al solito, però, cercherò di gustarmi le scenografie e la colonna sonora, che mi sembrano più promettenti. Spero di leggere tuoi nuovi articoli…anche io, come te, aggiorno il mio blog di rado, però è sempre un piacere ritrovarsi a chiacchierare di Tolkien!

        Piace a 1 persona

  2. Complimenti per aver portato a termine questo progetto! Il Silmarillion è un’opera lunga, articolata e a tratti pesante, secondo me, ma ne hai fatto un ottimo omaggio con questa serie di articoli.
    Purtroppo non sono riuscito a rileggerlo prima del debutto della serie e, risalendo ormai a diversi anni fa, sicuramente mi perderò un sacco di riferimenti o easter-eggs che chi, come te, lo ha più fresco invece coglierà; io non sto nella pelle, capisco gran parte delle obiezioni che gli vengono rivolte ma l’idea di tornare nella Terra di Mezzo mi eccita da morire. I trailer, poi, mi sono piaciuti molto, per cui cerco di restare positivo e sperare in qualcosa di più simile al film de Il Signore degli Anelli piuttosto che a quello de Lo Hobbit.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Daniele! Grazie per il tuo commento e per i complimenti. La serie sarà facilmente seguibile anche perché ha potuto attingere solamente dalle appendici del Signore degli Anelli, in quanto Amazon non ha i diritti sul Silmarillion.

      A me i trailer non sono per niente piaciuti, se non per la parte visiva. Ho moltissima paura di uno stravolgimento. A livello mondiale, Amazon ha ricevuto una marea di insulti e i trailer sono stati tempestati da non mi piace o commenti negativi.

      Non giudico mai prima di vedere un contenuto, staremo a vedere…

      Inizia il countdown! 😁

      "Mi piace"

Rispondi a Federico Aviano Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: