Il re solo della Colloredo, i longobardi

Il re solo – i longobardi: recensione

Il re solo – i longobardi è il seguito di La Grande Marcia.
L’ho letto senza sapere che si trattasse di un continuo e vi garantisco che mi è stato comunque tutto chiaro. Il libro può quindi essere letto indipendentemente dal primo capitolo.

Passiamo ora alla trama.
Ci troviamo in Italia, in epoca alto medioevale, in particolar nell’antico e verde Friuli. Lì i Longobardi, un popolo povero venuto dall’estremo oriente, tentano di insediarsi per ricostruirsi una vita. Devono fare i conti con diversi fattori. Uno di questi è la grande arretratezza che non gli permette di restare al passo con gli altri popoli. Ma i Longobardi devono fare i conti anche un’anarchia politica crescente nella penisola italiana, dovuta alla vicina scomparsa dell’Impero romano d’Occidente. Ma il pericolo più grande è rappresentato dagli Avari, un popolo proveniente dalle steppe asiatiche che fa della guerra e dei bottini derivanti dai saccheggi il suo stile di vita.

I Longobardi sono quindi costretti a ricorrere ad una militarizzazione forzata e all’utilizzo del proprio ingegno per sopravvivere.
Sono circondati da nemici: ad ovest i popoli indoeuropei che spingono verso la pianura padana, a sud ci sono i Bizantini, che tentano di riconquistare i territori persi dai cugini Romani. A Nord ci sono le Alpi, che non permettono di fuggire e ad Est gli Avari, che sono sempre più vicini e minacciosi.

Si intuisce che il re solo è il re longobardo Alboino, che si ritrova alle strette davanti a questa drammatica situazione. Non per questo si dà per vinto e non rinuncia alle sue ambizioni personali. La tensione è alle stelle, anche fra le famiglie longobarde più importanti, che bramano il potere.

Il libro è toccante, molto emotivo. Parla di guerre, di amori, di intrighi, di tradimenti, c’è tanta carne al fuoco.
Il finale è sensazionale, il migliore che abbia mai letto, specialmente dal punto di vista descrittivo. Rimani a bocca aperta. Chris Pratt WOW GIFAnche l’inizio è molto bello, già dal primo capitolo comprendi il potenziale del libro.
Si parte subito con un ritmo incalzante, ma mai frenetico, che ti tiene incollato con il naso alle pagine.
Il tutto è racchiuso in una cornice ben realizzata dall’autrice, che riesce a far conoscere la Storia in modo leggero.
Per non parlare delle superbe descrizioni dei combattimenti, sembra di vedere un film.

Ci sono diversi filoni narrativi, che descrivono la storia dal punto di vista di ciascun popolo coinvolto. Il passaggio da un filone all’altro è agevole e chiaro, nulla da dire.
Il re solo – i longobardi, di Sabina Colloredo, è veramente un bel libro, caldamente consigliato!

Vi consiglio anche la lettura di questo romanzo ambientato in Italia:
I medici di Matteo Strukul – un uomo al potere – recensione

Oppure questo, un romanzo storico ambientato nella Gran Bretagna di più di 1000 anni fa:
Le storie dei re sassoni, recensione, parte 1

Se non riesci a seguire il mio blog da WordPress, puoi farlo:

Al prossimo articolo!

Written by Federico Aviano

Sono nato nel 1996 e da sempre nutro una forte passione per la scrittura. Sono laureato in Scienze Politiche Sociali e Internazionali, curriculum di comunicazione, all'Università degli Studi di Bologna, dove attualmente frequento il primo anno di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e d'Impresa. In particolare, faccio parte della Redazione Web del Corso, dove, oltre a pubblicare diversi articoli, gestisco il sito web. Da ottobre 2019 lavoro come Marketing Division Assistant per UniBo Motorsport, MotoStudent, Formula SAE Team. Anche in questo caso mi occupo particolarmente dello sviluppo e della gestione del sito web. In poche parole, amo il marketing e le sue applicazioni, specialmente quelle legate al mondo digitale, dove ho avuto il piacere di immergermi. Il mio sogno nel cassetto è invece pubblicare la mia saga fantasy, dove gli Imlestar, un popolo da me inventato, sono i protagonisti. Da qui il nome del blog.

One comment

Rispondi

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: